Sei in: Mostra permanente
All’inizio del percorso che la mostra propone, nell’atrio, abbiamo realizzato quello che abbiamo chiamato “Presepio di accoglienza”, una vera stalla, arredata con attrezzi d’epoca e altri manufatti che ricordano tradizioni antiche ed in cui è inserita una natività a grandezza d’uomo.

Appena entrati nel museo troviamo il presepio ambientato nel
Convento di San Pasquale che nel Natale 2007 è stato esposto presso il museo dei Cavalieri di Colombo a New-Haven negli U.S.A., è l’inizio della prima parte dedicata ad Atessa, presepi ambientati in plastici che riproducono chiese, quartieri, porte, fontante della città.

L’ambientazione è una ricostruzione, quasi a grandezza naturale di alcuni angoli di Atessa, fanno bella mostra le antiche porte di accesso alla città, da cui si accede a stretti vicoli e deliziose piazzette, su cui si aprono i diorami.

Un lungo e attento lavoro di ricerca, che ha coinvolto un po' tutti in città, ha consentito di raccogliere antiche finestre, porte di casa, vecchie ringhiere in ferro battuto, lampioni e fontanelle non più usate, gronde e canali di scarico, addirittura antichi mattoni e tegole, il tutto ora inserito nella ricostruzione scenografica che raggiunge così livelli di
impressionante verismo.

Dopo il
Convento di San Pasquale nell’ordine ammirerete la Cattedrale di San Leucio, La Chiesa di San Silvestro, le vecchie fontane scomparse, la porta di Santa Margherita la porta e la Chiese di San Giuseppe, la porticella di San Michele, l’asilo Giardino infanzia Principessa Elena, la chiesa di Santa Croce, l’arco 'Ndriano.

Chiudono la prima parte, due finestre aperte da cui si possono godere due diversi tipi di ambientazione. Nella prima si ammira un artistico presepio a cui fa da sfondo il famoso castello della vicina Rocca Scalegna, mentre la seconda finestra ci farà ammirare tutti i ricordi del nostro concittadino Maestro “Antonio Di Jorio”.

La seconda parte, con un’ambientazione in stile “Roma antica” accoglie le scene della
vita di Gesù: ventitrè scene dall’Annunciazione alla Resurrezione, passando per la Natività, l’Ultima Cena, la Crocifissione e così via.

La terza parte è dedicata a
Presepi molto particolari. Si potranno ammirare alcuni presepi realizzati con i frutti di mare, presepi multietnici, di plastilina, di mais, in acquario, un presepio dallo stile orientale di circa 20 mq. con effetti speciali, uno per la gioia dei bambini con i personaggi tutti in movimento.

A fine percorso in un’ambientazione fiabesca troverete la Natività nell’acqua, una fantastica grotta tutta da visitare e una mostra di vecchi santini sul tema della natività.





 

© Presepi Atessa.it Tutti i diritti riservati | Sito realizzato da SabianLab